20. 10. 2021

Vaccino anti COVID e trattamento dell'infertilità

Vaccino anti COVID e trattamento dell'infertilità

Gli esperti della Società vaccinale ceca dell'Associazione medica ceca JEP e della Società ginecologica e ostetrica ceca hanno preso in esame che la vaccinazione anti COVID delle donne in gravidanza è appropriata. Lo consigliano anche alle madri che allattano, nelle quali gli anticorpi entrano anche nel latte materno e così proteggono il neonato.

In relazione al trattamento dell'infertilità, la vaccinazione deve essere somministrata prima di iniziare il trattamento, soprattutto nelle donne con malattie croniche. La gravidanza in sé è un fattore di rischio per il complicato decorso del COVID.

In generale, i cosiddetti vaccini inanimati, in questo caso i vaccini mRNA di Pfizer / BioNTech e Moderna, sono considerati sicuri durante la gravidanza.

La gravidanza, specialmente nel terzo trimestre, aumenta il rischio di coaguli di sangue, quindi i vaccini di AstraZeneca e Johnson & Johnson, Vaxzevria e Janssen, in cui sono stati segnalati rari casi di coaguli di sangue, non sono adatti.

Non esiste assolutamente alcuna prova e nessuna ragione teorica che uno qualsiasi dei vaccini possa influenzare la fertilità femminile o maschile. Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti per quanto riguarda la tossicità riproduttiva.

I vaccini anti COVID non contengono ingredienti noti per essere dannosi alle donne in gravidanza o al bambino in via di sviluppo.

Fino ad oggi sono state vaccinate più di un miliardo di persone, così come molte donne che non sapevano della loro gravidanza o sono rimaste incinte poco dopo la vaccinazione. Sebbene non siano stati riportati segni di complicanze nella vaccinazione delle donne in gravidanza, resta appropriato un approccio prudente.

Le prime 12 settimane sono più rischiose per lo sviluppo della gravidanza, quindi è consigliabile pianificare il trattamento dell'infertilità solo un mese dopo la seconda dose di vaccinazione. In caso di reazione più pronunciata alla vaccinazione, può essere preso in considerazione un intervallo più lungo.

Non è opportuno sottoporsi a vaccinazione durante la stimolazione ovarica, prima della raccolta degli ovuli e prima del trasferimento dell'embrione, nonché in preparazione al crioembriotrasferimento o immediatamente dopo il trasferimento dell'embrione.

Se queste raccomandazioni vengono seguite, non c'è motivo di preoccuparsi del potenziale effetto negativo della vaccinazione sul risultato pianificato, ovvero la nascita di un bambino sano.


Utilizziamo i cookie

Utilizziamo i cookies per analizzare il traffico, ricordare le preferenze e migliorare l'usabilità del sito web. Per dare il Suo consenso clicca sul "Accetto".

Impostazione Acetto

E possibile di rifiutare il consenso in qualsiasi momento.